lunedì 28 novembre 2011

Verbale dell'ufficio di presidenza dell'ANPI Roma-Lazio del 21 novembre 2011

Lunedì 21 novembre 2011 si è tenuta presso la “Casa della Memoria e della Storia” la prima riunione del nuovo Ufficio di Presidenza dell’ANPI regionale. Dopo un primo confronto sugli incarichi e settori specifici che saranno curati da ogni componente dell’Ufficio di Presidenza (che saranno formalizzati nella prossima riunione) ed un’ampia disamina delle molteplici e positive attività politiche, culturali e organizzative messe in essere dal precedente vertice dell’ANPI, presieduto dal Comandante Massimo Rendina, e dello stato dell’Associazione, che risulta essere ottimo, sono state prese le seguenti decisioni:

• L’Ufficio di Presidenza si riunirà con regolarità ogni 15 giorni, nel primo e terzo lunedì di ogni mese. Verrà presa in considerazione l’ipotesi di riunire a date regolari (ad es. il primo sabato di ogni mese) anche il Comitato provinciale.
• Si cercherà di garantire una costante presenza di un membro dell’Ufficio di Presidenza nella sede. In particolare, il presidente sarà in sede, salvo impegni inderogabili di lavoro, ogni lunedì.
• È stata riconosciuta la necessità di dotarsi di un addetto stampa, compito che sarà assegnato ad un componente dell’Ufficio di Presidenza, in collaborazione con altre/i socie/i dell’ANPI nella prossima riunione.
• È stata riconosciuta la necessità di dotarsi della consulenza (possibilmente volontaria o comunque a prezzi agevolati) di un commercialista professionista per la gestione delle pratiche amministrative dell’Associazione; con la prossima riunione, questo incarico sarà assegnato.
• La riorganizzazione del Comitato Provinciale per commissioni, a partire dalla proposta fatta dal Comandante Massimo Rendina, di una serie di priorità da definirsi con la prossima riunione e delle reali forze a disposizione, sarà inizialmente una proposta sperimentale da presentare al Comitato, con l’indicazione di una/a socia/o dell’ANPI che ne curi la realizzazione iniziale. Questa proposta, come stabilito nell’ultima riunione del Comitato, dovrà essere approvata, modificata o respinta e sostituita da una proposta alternativa dallo stesso Comitato. Le/i socie/i che afferiranno a ciascuna commissione stabiliranno poi al proprio interno chi ne sarà responsabile (questa era per altro la prassi delle Brigate Partigiane per stabilire chi ne dovesse avere il comando). Si ritiene ESTREMAMENTE OPPORTUNO, anche se non strettamente obbligatorio, che ogni componente del Comitato afferisca e lavori in un commissione.
• Nella prossima riunione dell’Ufficio di Presidenza saranno discusse le proposte dei componenti del Collegio Sindacale, che saranno presentate alla prossima riunione del Comitato.
• Si è deciso di porre all'attenzione di una prossima riunione della presidenza la necessita di raccordarsi con gli altri Comitati Provinciali dell’ ANPI della regione Lazio, al fine di incentivare una maggiore coesione territoriale e di iniziare un confronto con questi Comitati e con l’ANPI Nazionale per definire rapidamente il livello regionale dell’Associazione.
• Si è stabilito di proseguire nel costante contatto con le altre Associazioni Resistenziali e delle vittime del nazi-fascismo per una più efficace unità d’azione.
• Sarà intrapreso al più presto un confronto costruttivo con le forze politiche democratiche e progressiste, sindacali, associative in senso lato ed i movimenti, al fine di realizzare una unità d'intenti per lo sviluppo di una società sempre più aderente alla Costituzione nata dalla Resistenza.
• Verrà in particolare rafforzato, a partire dalla già solida collaborazione con la CGIL, il rapporto con il mondo del lavoro, essenziale in un momento come questo, nel quale il drammatico attacco della Fiat ai diritti dei lavoratori rappresenta un vulnus alla democrazia costituzionale: lo stesso livello nazionale dell'Associazione ha da tempo stigmatizzato e creato allarmi sui tentativi di abolizione del CCNL. Le questioni dei lavoratori, insieme a quelle internazionali contro la guerra, devono quindi avere centralità nel perseguimento degli scopi associativi nell'attuazione dei valori dell'antifascismo, della Resistenza e della Guerra di Liberazione, che trovano nella Costituzione quel punto di partenza ormai troppo spesso dimenticato. Le questioni del lavoro e quelle internazionali devono quindi avere una loro attenzione centrale anche dal punto di vista organizzativo.
• Verrà immediatamente rafforzato l’intervento sulle scuole e si procederà immediatamente a verificare la possibilità di corsi di aggiornamento per gli insegnanti sul fascismo, sull’Antifascismo, la Resistenza e la Costituzione, in collaborazione con i sindacati della scuola (in primo luogo la FLC-CGIL). Questo intervento sarà curato da Aldo Pavia, in collaborazione con altre/i socie/i dell’ANPI.
• Sarà sostenuta l’attività in materia di Storia e memoria, quella del portale storico ed il Centro Studi sulla Resistenza, che saranno curati come in passato da Mario Avagliano. Si è incominciato a discutere di come inquadrare in questo ambito il Centro Telematico di Storia Contemporanea.
• Entro il mese di dicembre saranno svolte due iniziative pubbliche e largamente pubblicizzate, una sull’“Armadio della vergogna”, l’altra sulla libertà di informazione. La prima sarà svolta presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Roma “Sapienza”, l’altra presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione della “Sapienza” o presso l’Università di Roma 3.
• Si cercherà di migliorare il rapporto tra l’Ufficio di Presidenza e le sezioni, anche con incontri locali con i membri dell’Ufficio di Presidenza. Sarà necessario intervenire sulla situazione di alcune (fortunatamente molto rare) sezioni nelle quali si è verificato uno sgradevole stato di conflittualità interna: in questo caso, il ruolo dell’Ufficio di Presidenza sarà innanzi tutto di cercare la sintesi delle diverse posizioni, ma non sarà evitabile di intervenire in modo più sostanziale se questa sintesi non sarà trovata.
• Le sezioni sono caldamente invitate a sviluppare una propria attività in piena autonomia MA È ASSOLUTAMENTE INDISPENSABILE CHE OGNI INIZIATIVA SIA COMUNICATA CON IL DOVUTO ANTICIPO ALL’UFFICIO DI PRESIDENZA, per evitare sovrapposizioni di iniziative ed assicurare la massima visibilità e partecipazione ad ognuna. È stato fatta notare che a questa ovvia regola si è troppo esso derogato, anche in casi molto recenti.
• È stato ribadito il ruolo essenziale (specialmente in una fase nella quale i finanziamenti pubblici tendono a svanire) delle "Feste del Tesseramento" o "Giornate di adesione all'ANPI". Sono disponibili in sede molti volantini utilizzabili per queste importantissime attività.
• Si è esaminata la situazione dell’interfaccia Facebook dell’Associazione ed è stato dato mandato al presidente di verificare la disponibilità di Marco e Beatrice Foroni di proseguire nella loro gestione, che sembrava essere in dubbio. Verificata questa disponibilità, il presidente ha dato loro mandato di proseguire nella gestione, invitandoli ad una stretta collaborazione con l’Ufficio di Presidenza.
• La Festa Nazionale dell’ANPI sarà tenuta nel prossimo anno: è stato deciso di chiedere all’ANPI Nazionale di tenere questa Festa a Roma
• E’ stata analizzata la necessità di incominciare a ragionare subito sulla celebrazione del prossimo XXV Aprile, possibilmente con tutte le realtà che in esso si identificano, e di indire al più presto con queste realtà una riunione su questo argomento.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.