sabato 20 agosto 2016

"Il Pd non ha rispetto della nostra storia" Intervista al Presidente Anpi Carlo Smuraglia. La Repubblica 20 agosto 2016

Il presidente Anpi Carlo Smuraglia: ai tempi di Togliatti e Berlinguer era diverso, perché ci si scambiavano le idee.
"Il Pd non ha rispetto della nostra storia, meglio non andare alle Feste dell`Unità"


di Giovanna Casadio - La Repubblica 20 agosto 2016

articolo su Repubblica.it

(in fondo a questa pagina altro articolo e intervista radiofonica)

ROMA. «Ai tempi di Togliatti o Berlinguer questo non sarebbe accaduto perché la Festa dell`Unità è sempre stata, tradizionalmente, una festa di tutti». Carlo Smuraglia non vorrebbe alzare altri polveroni. Ce n`è già abbastanza. Classe 1923, partigiano combattente, avvocato del lavoro, Smuraglia è il presidente nazionale dell`Anpi, l`associazione dei partigiani che è contraria alla riforma costituzionale di Renzi. L`Anpi non è stata invitata alle Feste dell`Unità o, se chiamata a partecipare, non deve parlare del No. 
Smuraglia, forse lo scontro si sta ridimensionando, ci sono trattative in corso? 
«Non mi risulta nessuna trattativa. Non c`è stato nessun invito formale. In passato nelle Feste dell`Unità veniva dato uno spazio alle locali sezioni dell`Anpi, in cui ovviamente l`Anpi fa quello che vuole». 
Si è sentito tradito dal Pd? 
«Non è una questione di tradimento. Ma è un errore materiale. L`Anpi ha una sua dignità e autorevolezza. Non può andare in un luogo in cui si pongano limi- ti alla manifestazione delle proprie opinioni. Se invito qualcuno a cena, non gli dico di chi deve parlare bene e di chi male. Lo lascio libero di esprimersi». I Democratici però ritengono quella costituzionale la madre di tutte le riforme. Non trova normale che blindino la loro battaglia? 
«Tradizionalmente la Festa dell`Unità è una festa di tutti. Non si possono porre dei limiti. Tranne quello di non ammettere i fascisti. Con noi è normale un rapporto franco e ragionevole». 
Quindi l`Anpi non andrà a nessuna Festa? 
«Non c`è una direttiva nazionale. Deciderà ogni sezione localmente. Se però chiedono il mio parere, ebbene io non andrei per rispetto di se stessi. Non vado in un posto dove non posso esprimere liberamente le mie idee». 
In altri tempi non sarebbe successo, secondo lei, nonostante il centralismo del Pci, l`espulsione dei dissidenti? 
« Ai tempi di Togliatti e Berlinguer si andava alle feste dell`Unità perché si incontravano gli amici e si scambiavano le idee. Quest`anno si è cominciato a dire che era la festa del Sì, quindi con
una forte contrapposizione. Tuttavia non è inimicizia la nostra: è una divergenza su un punto specifico che poteva essere risolto con ragionevolezza». 
Come poteva essere risolto? 
«Semplicemente dicendoci: "Venite e dite pure quello che vi pare". Potevano immaginare che l`Anpi non sarebbe andata a fare sfoggio delle proprie idee in casa di chi la pensa diversamente, ma a sostenerle con il garbo e il rispetto che ci è abituale». 
L`Anpi ha rimosso il coordinatore emiliano Artioli perchè a favore del Sì? 
«Assolutamente no, si è trattato di un normale avvicendamento. Con il congresso di metà maggio sono decadute tutte le cariche per statuto, anche la mia. Ci sono state riconferme e avvicendamenti». Anche voi siete divisi sul referendum? 
«Ci sono dissensi, ma il No è a stragrande maggioranza». 
È l`ennesima incomprensione tra l`Anpi e il Pd di Renzi? 
«Boschi commise un errore con quelle frasi sui partigiani, il No e Casapound. La storia e la memoria vanno coltivate perché un Paese che perde questo è destinato a decadere».
Box:
Firenze
INVITATI SENZA FARE PROPAGANDA Il Pd ha invitato alla Festa dell`Unità di Firenze l`Anpi a mettere uno stand, ma a patto di non fare propaganda per il No al referendum costituzionale. I partigiani fiorentini non hanno ancora deciso se accettare.
Bologna
IN CERCA DI UNA MEDIAZIONE Bologna è stata l`epicentro dello scontro con il Pd. L`Anpi ha sollevato il caso: non andiamo se non abbiamo libertà di parola. I dem hanno fatto sapere che alla fine si potrebbe tenere un dibattito tra le ragioni del Sì e del No
Milano
SORDINA ALLE POLEMICHE A Milano il presidente Anpi Roberto Cenati sarà presente alla Festa dell`Unitàper la presentazione di un libro sulla Resistenza, ma non ci sarà propaganda per il No. Pizzinato, presidente onorario lombardo, sdrammatizza
IL CASO EMILIA
Il presidente dell`Emilia Romagna avvicendato per fine mandato e non perché schierato a favore del Si

 
Leggi anche:



Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.