giovedì 20 luglio 2017

L'ANPI Provinciale di Roma aderisce al presidio di Tor Bella Monaca del 26 luglio p.v.





Comunicato Presidio Tor Bella Monaca 26 luglio ore 18.00


CGIL Roma e Lazio, CISL Roma Capitale Rieti, UIL Roma e Lazio, Acli Roma e Provincia e Acli Lazio, Anpi Roma, Arci Roma e il Coordinamento di Libera di Roma indicono un presidio per il giorno 26 luglio alle 18.00 a Tor Bella Monaca, nel piazzale antistante la chiesa di Santa Maria Madre del Redentore, via Duilio Cambellotti 18, a cui chiamano a partecipare tutte le forze democratiche: politiche, sociali, dell’associazionismo, del volontariato.

L’iniziativa vuole richiamare l’attenzione delle forze politiche e delle Istituzioni locali e nazionali, della Prefettura, sui rischi per la sicurezza e per la convivenza civile a causa degli episodi di violenza avvenuti nella periferia romana ad opera di determinate forze politiche.

Citiamo solo alcuni di questi episodi:
-         l’aggressione a Tor Bella Monaca ai danni di un cittadino italiano di origini bengalesi;
-         la manifestazione organizzata contro i migranti al Tiburtino Terzo;
-         il presidio annunciato per il 7 luglio, sempre a Tor bella Monaca, poi sospeso;
-         incidenti e aggressioni, l’11 luglio, di fronte alla sede di ASIA USB e del PD, che stava svolgendo il proprio congresso municipale;
-         L’aggressione ai migranti venditori ambulanti sulla spiaggia di Ostia, che segue le aggressioni a giovani delle associazioni di volontariato del medesimo territorio;

Questi episodi di violenza rappresentano fatti che devono seriamente preoccupare tutte le forze democratiche e le stesse Istituzioni.     

Inoltre si riscontrano preoccupanti contiguità tra queste formazioni protagoniste degli episodi succitati e fenomeni di illegalità, in alcuni settori, quali le occupazioni delle case popolari.

domenica 16 luglio 2017

Smuraglia: "La spiaggia fascista di Chioggia è un fatto gravissimo, non una goliardata"

Smuraglia: "La spiaggia fascista di Chioggia è un fatto gravissimo, non una goliardata"

14 Luglio 2017
Il dibattito sulla spiaggia fascista di Chioggia nella puntata del 14 luglio di Agorà estate (dal min. 00:44:31) su Rai 3:

http://www.raiplay.it/video/2017/07/Agora-estate_Smuraglia 

25 luglio 2017 - Sez. ANPI Appio - VII Municipio: pastasciutta antifascista

SEZIONE A.N.P.I. APPIO – VII MUNICIPIO “ORNELLO LEONARDI E ANTONIO SPUNTICCIA”

MARTEDI 25 LUGLIO ORE 19,30     Via Saluzzo 49 Roma







Per la prima volta a Roma, ci uniamo alla rete nazionale della pastasciutta antifascista (Burro e parmigiano come da tradizione) e caprese, dolcetti e altro.
Sottoscrizione libera, ognuno porti qualcosa da mangiare e bere!
Alla caduta del Fascismo, il 25 luglio del 1943, fu grande festa a Casa Cervi, come in tutto il Paese. Una gioia spontanea di molti italiani che speravano nella fine della guerra, nella morte della dittatura. La Liberazione verrà solo 20 mesi dopo, al prezzo di molte sofferenze. Ma quel 25 luglio, alla notizia che il duce era stato arrestato, c’era solo la voglia di festeggiare. A Campegine, i Cervi insieme ad altre famiglie del paese, portarono la pastasciutta in piazza, nei bidoni per il latte. Con un rapido passaparola la cittadinanza si riunì attorno al carro e alla “birocia” che aveva portato la pasta. Tutti in fila per avere un piatto di quei maccheroni conditi a burro e formaggio che, in tempo di guerra e di razionamenti, erano prima di tutto un pasto di lusso.
C’era la fame, ma c’era anche la voglia di uscire dall’incubo del fascismo e della guerra, il desiderio di “riprendersi la piazza” con un moto spontaneo, dopo anni di adunate a comando e di divieti.
Di quel 25 luglio, di quella pagina di storia italiana è rimasto poco nella memoria collettiva. Eppure c’è stato, in tutta Italia e in quella data, uno spirito genuino e pacifico di festa popolare: prima dell’8 settembre, dell’occupazione tedesca, della Repubblica di Salò. Prima delle brigate partigiane e della Lotta di Liberazione.
Da oltre 20 anni l’Istituto Cervi e molte Sezioni ANPI rievocano quel clima di gioia a partire dall’episodio della storica pastasciutta di Campegine, riproponendo la stessa formula di ritrovo spontaneo e festoso. Per ricordare (e siamo sempre di più a farlo) una data simbolica della nostra storia…
 verrà presentata una piccola mostra
"GUERRA NAZIFASCISTA E FAME" con 4 esempi di razioni di pane:
ROMA 1942 ( Italia in guerra)
KIEV 1942 (occupazione nazista)
ROMA 1943 (occupazione nazista)
LENINGRADO 1942 (assedio nazifascista di 900 giorni)
E si potrà firmare la PETIZIONE per una targa dove sorgeva la fabbrica FATME, fulcro della Resistenza Operaia all’Appio Tuscolano.
SEZIONE A.N.P.I. APPIO – VII MUNICIPIO “ORNELLO LEONARDI E ANTONIO SPUNTICCIA”
Sede  c/o PRC Appio Via Saluzzo 49-  00182 Roma –
 cell. 3338755347

Carlo Smuraglia "Sull'Atlante delle stragi naziste ..."

"Sull'Atlante delle stragi naziste e fasciste si sta costruendo una polemica artificiosa e infondata"


14 Luglio 2017

venerdì 14 luglio 2017

Riceviamo e pubblichiamo

Abbiamo ricevuto il seguente comunicato dell'ANED che condividiamo e pubblichiamo.


Ordine del giorno del Comitato Provinciale ANPI Roma del 13 luglio 2017

A.N.P.I. COMITATO PROVINCIALE DI ROMA

ORDINE DEL GIORNO APPROVATO NELLA SEDUTA DEL 13 LUGLIO 2017
Il Comitato direttivo dell’Anpi provinciale di Roma, nella riunione del 13 luglio 2017, in merito ai fatti di Tor Bellamonca del 7 e 11 luglio scorsi, che hanno visto l’Associazione tra i promotori della doppia giornata antifascista, esprime la propria solidarietà al PD e all’Asia-Usb, le cui sedi sono state sotto pressione per il tentativo dei neofascisti di Forza nuova di manifestare proprio davanti alle loro sedi di via dell’Archeologia e apprezza l’impegno delle Autorità che in questa occasione hanno sgombrato la sede di Forza nuova, negato l’autorizzazione alle loro sfilate, fermato i facinorosi che hanno comunque tentato di provocare le assemblee popolari.
L’Anpi di Roma esprime inoltre soddisfazione perché ancora una volta, dopo l’Esquilino, Ostia, Magliana – primo presidio -, Torre Angela, Tiburtino III, la mobilitazione popolare di diversi settori della società ha fatto muro, riuscendo ancora una volta ad impedire che manifestazioni fasciste sfilassero, offendendo le tradizioni antifasciste della Repubblica e della città di Roma.
Il tentativo del neofascismo di rialzare la testa ha ormai oltrepassato i limiti di guardia. Sono ormai troppi gli episodi intollerabili con cui si tenta di riaffermare nel nostro Paese le pratiche di intolleranza, violenza, razzismo e fascismo. Ultimamente in particolare dalle ronde contro i migranti, di notte e in spiaggia, alla nave di neofascisti che dovrebbe prossimamente “pattugliare” il Mediterraneo per impedire l’arrivo di migranti, dai continui episodi di violenza ai danni di migranti, volontari e antifascisti agli insulti antisemiti all’on. Fiano da parte di un deputato della Repubblica, ai troppi altri ancora episodi che segnalano la necessità della più ferma reazione delle istituzioni, delle assemblee elettive, dei partiti, dei sindacati e della società civile tutta. Ci attendiamo presto l’approvazione di norme che rafforzino le leggi contro il fascismo e il razzismo, consapevoli, tuttavia, che esse non saranno sufficienti a risolvere il problema se non saranno accompagnate dalla più vasta mobilitazione delle coscienze e dalla radicale corale condanna del fascismo. Ci vuole il funzionamento delle istituzioni e una coscienza collettiva convinta che questa è una Repubblica democratica e antifascista: purtroppo questa coscienza antifascista è ancora gravemente insufficiente. Mobilitazione delle coscienze che non può non partire dall’educazione all’antifascismo a partire dalle scuole dell’infanzia. E’ bene che tutti riflettano sul fatto che l’apologia del fascismo non è un reato di opinione, ma un reato di pericolo per le istituzioni repubblicane. Siamo per la libera manifestazione del pensiero garantita dalla Costituzione, motivo per cui deve essere duramente repressa l’apologia del fascismo e i tentativi di ricostruire partiti fascisti di ogni sorta. Le leggi esistono e devono essere rispettate ed applicate, non ultimo con l’esclusione delle liste fasciste da ogni tipo di competizione elettorale, a cominciare dalla tornata elettorale autunnale, che vede ancora già annunciata la presentazione di liste fasciste del Municipio di Ostia, e con il divieto di utilizzo di locali pubblici per sedi di organizzazioni fasciste.

mercoledì 12 luglio 2017

Intervista al Presidente Nazionale Carlo Smuraglia

Smuraglia: "La legge Fiano è un passo avanti, ma occorre una coscienza collettiva antifascista"

11 Luglio 2017 - Il Presidente nazionale ANPI intervistato dal quotidiano la Repubblica




19 Luglio 1943 - 19 luglio 2017


Sezione Trullo - Magliana "Franco Bartolini"

Venerdì 14 luglio ore 20 cena di saluti e sottoscrizione a 10 €  presso " Baccelli di Idee " in via Orciano Pisano n. 9  (Montecucco, dietro l'AMA)
Un'occasione per rivederci tutti , scambiarsi opinioni e stare insieme prima delle ferie  estive


Dare possibilmente conferma di partecipazione entro giovedi sera all'email : sez.anpi.bartolini@gmail.com


 

giovedì 6 luglio 2017

ANPI IV Municipio "Nascimben": comunicato stampa per il presidio antifascista del 7 luglio. Lettera al Prefetto

Comunicato stampa
per presidio statico 7 luglio ore 19 a via dell'archeologia 55
Al signor Prefetto di Roma
Dottoressa Paola Basilone
Come cittadini e associazioni impegnati nel territorio a salvaguardare la cultura, i diritti umani e del lavoro, la democrazia e la legalità, esponiamo con la presente la condizione di allarme sociale che vede coinvolto il quartiere tor Bella Monaca e i suoi abitanti.
Nei quartieri della periferia romana, in particolare tutto il sesto municipio la crisi economica e occupazionale ha prodotto forti elementi di malessere sociale; una grande parte della popolazione (circa il 50%) non appartiene alla forza lavoro, il tasso di abbandono scolastico è il più alto di Roma, troppi giovani che non trovano occupazione, povero il livello di assistenza sociale; il patrimonio pubblico in decennale abbandono, le aree verdi inselvatichite e inservibili, sequele di serrande chiuse sono il fantasma di servizi commerciali.
La maggior parte delle abitazioni popolari, ater, è priva di reale manutenzione, la pulizia lasciata alla buona volontà degli abitanti. L'insieme di servizi (impianti sportivi strutture culturali creative servizi sociali e commerciali) che, in forma diversa, concorrono a formare la qualità della vita dei cittadini e incidono sullo sviluppo umano, nei nostri hanno un segno fortemente negativo.
Su un tessuto sociale storicamente emarginato è caratterizzato da scarsi strumenti culturali, la disattenzione politica e l'incuria istituzionale hanno determinato devianze sociali, il consolidarsi di atteggiamenti e pratiche malavitose e l'acuirsi del mercato delle droghe. Le presenze criminali sono ben note a tutti gli abitanti: ma le misure di prevenzione e repressione delle forze dell'ordine non sembrano finalizzate alla diminuzione dei reati.


mercoledì 5 luglio 2017

Comitato Nazionale dell'ANPI: Si realizzi a Milano un vero museo della Resistenza

http://www.anpi.it/articoli/1782/si-realizzi-a-milano-un-vero-museo-nazionale-della-resistenza

“SI REALIZZI A MILANO UN VERO MUSEO NAZIONALE DELLA RESISTENZA”

5 Luglio 2017

"L'ANPI nazionale ritiene che la comunità culturale e i cittadini debbano essere informati su quanto sta accadendo riguardo a quello che avrebbe dovuto essere il progetto del Museo Nazionale della Resistenza a Milano.
Museo al quale l'ANPI sarebbe stata favorevolissima, anche per la scelta di collocarlo nella città di Milano, purché si trattasse di un'opera di valore, realizzata con ampio consenso e con la collaborazione attiva delle Associazioni partigiane, in particolare dell'ANPI, e infine installata in una sede adeguata.
Al contrario, si sta verificando un fenomeno singolare: tutti gli atti e le convenzioni stipulate ufficialmente tra Comune, Ministero dei Beni culturali e INSMLI (oggi Istituto “Parri”) hanno fatto sempre riferimento alla istituzione di un MUSEO NAZIONALE DELLA RESISTENZA. Gradualmente, poi, questa denominazione è scomparsa, via via sostituita da formulazioni generiche e totalmente diverse (Spazio Resistenza, Spazio di riflessione ed interpretazione sulla Resistenza, etc.).
Questo è incomprensibile, perché o si fa un Museo oppure si fa una cosa diversa, non chiara peraltro, perché non si è ancora visto un progetto esecutivo.

8 luglio 2017 a Colleferro corteo cittadino contro gli inceneritori: L'otto per rifiutarli



La sezione ANPI di Colleferro "La Staffetta Partigiana" aderisce alla mobilitazione dell'8 luglio p.v. contro gli inceneritori.

Il prossimo 8 luglio i cittadini di Colleferro e dei paesi della Valle del Sacco saranno ancora una volta in piazza per dire NO alle scelte scellerate che negli anni hanno trasformato il loro territorio in una valle di veleni. L’8 luglio si dirà NO al revamping dei due inceneritori! I cittadini e tante associazioni scendono in piazza per la tutela ambientale del territorio e per difendere la loro salute.  L’Anpi della provincia di Roma nel richiamare l’attuazione della Costituzione, e in particolare l’articolo 9 e l’articolo 32, aderisce alla manifestazione e scende in piazza insieme ai cittadini della Valle del Sacco, sostenendoli nella loro battaglia per la tutela dell’ambiente e della salute e per il futuro dei giovani di quel territorio.

mercoledì 28 giugno 2017

5 luglio 2017 Sez. Aurelio Cavalleggeri: anticipo proiezione film "Una vita difficile" di Dino Risi


Il prossimo 5 Luglio  con un anticipo di due settimane sul Calendario stabilito, per l’avvicinarsi delle ferie estive – proietteremo, per il nostro Cineforum, il film di Dino Risi  “Una vita difficile”, con Alberto Sordi e Lea Massari. Film del 1961  “Una vita difficile” è considerato il capolavoro di Dino Risi e di Alberto Sordi, ma importante è anche la sceneggiatura di Rodolfo Sonego.



                                                            

Il film ripercorre alcuni momenti salienti della storia italiana: la Resistenza, dopo l’8 Settembre ‘43, la Liberazione, a Roma dopo il 4 Giugno ’44, il Referendum Monarchia-Repubblica del 1946 (mitica la scena della cena di Silvio ed Elena, in casa monarchica) l’attentato a Togliatti, del 14 Luglio 1948, la ricostruzione ed infine il boom economico e mette a nudo pregi e difetti di un’Italia piegata dal fascismo e dalla guerra, ma che sa rialzare la testa, di un’Italia prigioniera dei clan affaristici, che lucrano su miseria e ricostruzione (la corruzione non è cosa solo contemporanea), ma trovano comunque un contrasto in uomini come  Sordi-Magniozzi, il partigiano-giorrnalista idealista, che non vuole lasciare la sua città (Roma) e farsi emigrante e che magari piega la schiena per bisogno o per fare bella figura con la moglie Elena (Lea Massari), ma la sa rialzare nei momenti topici, per affermare - sempre e comunque - i suoi ideali, i suoi valori, la sua idea di una società pulita, libera e democratica, forse personificando lo spirito e la lettera  dell’”Ora e sempre Resistenza!!” di Piero Calamandrei.

Questa pellicola del 1961 -  al di là del finale rassicurante – lascia aperti alla riflessione dello spettatore molti interrogativi sul futuro di un Paese uscito annientato (ma non del tutto) dalla guerra. Interrogativi senza risposta (o magari a risposta difficile, come la vita del Partigiano comunista Silvio Magnozzi) che noi stessi ancora oggi, ad oltre 50 anni dal film, ci facciamo.

Per la sua attualità vale dunque la pena vederlo o rivederlo.
                                                                                               
                                                                                                  Il Presidente
                                                                                                   (Ugo Fanti)

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.