venerdì 8 dicembre 2017

19 dicembre 2017 a San Lorenzo: un quartiere che resiste



Le azioni squadriste dei fascisti del nuovo millenio sono recentemente salite all'onore della cronaca. Ma la presenza neofascista si va consolidando da anni, non solo con atti di squadrismo (sono passati dieci anni dall'assassinio di Renato Biagetti), ma con proposte aggregative diverse, tutte segnate dallo spirito e dalla retorica fascista di fatto sdoganata dalla condiscendenza della stampa mainstream, la stessa che ora inizia a subirne gli attacchi.
Per questo, martedì 19 dicembre, Libera Repubblica e ANPI San Lorenzo vi aspettano al Nuovo Cinema Palazzo San lorenzo per il secondo appuntamento dedicato ai nuovi fascismi: contro ogni fascismo, oggi come ieri!
ore 18. 30
Viaggio nella Galassia neofascista
Proiezione del filmato: Varsavia, la marcia dell’estrema destra nell’anniversario dell’indipendenza (novembre 2015-novembre 2017, durata 8 mn)
Dibattito con:
Giovanni Baldini, redattore di “Patria indipendente”
Valerio Renzi, giornalista
Emanuele Toscano, sociologo
coordina Andrea Allamprese, ANPI San Lorenzo
a seguire cena popolare con polenta, salsiucce, fagioli e verdure.

23 dicembre 2017 al Caffè Letterario: La Memoria Tradita - La II Guerra Mondiale nel Mezzoggiorno


14 dicembre 2017 . Costruiamo insieme una nuova sezione ANPI a Tiburtino Pietralata


giovedì 7 dicembre 2017

Accordo Miur-Anpi per promuovere la Costituzione e la Resistenza nelle scuole


Accordo MIUR-ANPI per promuovere la Costituzione e la Resistenza nelle scuole - pdf


Preoccupazione dell'ANPI Provinciale di Roma per decisione USA di spostare l'ambasciata a Gerusalemme


O.d.G. approvato dal direttivo del Comitato Provinciale dell'ANPI di Roma nella seduta del 6/12/2017 con un contrario e un astenuto:
Il Comitato Provinciale ANPI di Roma esprime la propria preoccupazione per la decisione dell’Amministrazione degli USA di trasferire la propria Ambasciata nella città di Gerusalemme.
Con tale decisione gli USA di fatto riconoscono quale Capitale dello Stato di Israele la città di Gerusalemme, compromettendo gravemente la ripresa del processo di pace in Medio Oriente e rischiando di scatenare reazioni violente non solo nel mondo arabo aggravando contesti storicamente di grande tensione.

Il Comitato Provinciale ANPI di Roma auspica che venga ripreso il dialogo da troppo tempo interrotto, prevalga la ricerca di una soluzione che veda la creazione di due Stati indipendenti così come più volte auspicato dalla UE e dalla Organizzazione delle Nazioni Unite.

15 dicembre 2017 "La Galassia nera" alla Casa della Pace di Monterotondo (RM)


L'ANPI esprime solidarietà all’Arma dei Carabinieri per l’attentato subìto dalla Stazione di San Giovanni.


L’ANPI Provinciale di Roma, con la sezione Appio “Ornello Leonardi e Antonio Spunticcia” condanna l’attentato subìto questa mattina dalla Stazione Carabinieri San Giovanni.
Esprime la totale solidarietà all’Arma dei Carabinieri, sempre stimando il gravoso operato in cui è impegnata nel territorio cittadino e dell’Appio in particolare, nel contrasto alla criminalità e la vicinanza ai cittadini.
Ancor più vile l’attentato in quanto diretto ad una caserma intitolata al Martire delle Fosse Ardeatine Carabiniere Fortunato Caccamo, che abbiamo avuto modo di onorare nella ricorrenza del martirio.

La memoria dell’opera grande e del sacrificio enorme dei Carabinieri durante la Resistenza e la lotta di Liberazione e durante gli anni della Repubblica è patrimonio del Paese da onorare e preservare.
Nella speranza che gli autori di tal inconsulto gesto siano individuati e consegnati alla Giustizia con rapidità, L’ANPI esprime la propria vicinanza all’Arma ed assicura tutto il proprio impegno, in ogni sede, per costruire un tessuto democratico tra Istituzioni, cittadinanza, associazioni, soggetti politici e sociali del territorio, un argine al dilagare della criminalità, organizzata e non, e all’eversione anticostituzionale.



Il Comitato Provinciale dell’ANPI di Roma

La sezione ANPI Appio “Ornello Leonardi e Antonio Spunticcia”

Blitz fascista a La Repubblica: l’ANPI Provinciale di Roma condanna l’atto criminale ed esprime solidarietà ai lavoratori

Blitz fascista a La Repubblica: l’ANPI Provinciale di Roma condanna l’atto criminale ed esprime solidarietà ai lavoratori



Il Comitato dell’ANPI Provinciale di Roma, condanna con forza l’ennesimo atto intimidatorio da parte dei fascisti ed esprime solidarietà nei confronti dei lavoratori de La Repubblica e del Gruppo l’Espresso.
La misura è colma da un pezzo e la melma è tracimata. I fascisti non cambiano, altro che nuovo millennio, usano gli stessi mezzi degli anni ’20, intimidazione e violenza. Le Istituzioni, come anche ricordato solo ieri dal Ministro della Giustizia Orlando, hanno i mezzi per contrastare il fascismo: applicare le leggi. Ma quelle giuste: ricostituzione del partito fascista e istigazione all’odio razziale. Quelle ipotizzate, apprese dai giornali, di “manifestazione non preavvisata, travisamento, violenza privata e accensione di artifizi pirotecnici in luogo aperto al pubblico” sono solo la logica conseguenza di ciò che sta a monte: fascismo e razzismo.
Così come non è idoneo vietare le manifestazioni fasciste per meri motivi di ordine pubblico: vanno vietate in quanto manifestazioni fasciste.

L'ANPI Provinciale di Roma torna a chiedere la piena attuazione della Costituzione e delle leggi antifasciste e anti razziste e chiede che tali organizzazioni vengano sciolte d’autorità. Basta timidezze e tolleranze, basta esposizioni mediatiche scellerate che hanno il solo effetto di sdoganare idee e comportamenti criminali.

lunedì 4 dicembre 2017

12 dicembre 2017 - Sez. ANPI Villa Gordiani: proiezione film "Romanzo di una strage" su Piazza Fontana


ASSOCIAZIONI FASCISTE A ROMA TRE, IL PRESIDE AUTORIZZA L’INIZIATIVA E GLI STUDENTI CONTESTANO. L'ANPI PROVINCIALE DI ROMA SI UNISCE AGLI STUDENTI

Il Comitato Provinciale dell'ANPI di Roma, si unisce alle contestazioni degli studenti contro la concessione di spazi ad associazioni vicine ad organizzazioni fasciste a Roma Tre. Mentre in tutta Italia si moltiplicano le iniziative nei Comuni e Municipi affinché non siano concessi spazi pubblici a chi non si riconosce nella Costituzione Repubblicana e nella democratica convivenza civile, è inammissibile che un luogo di cultura e di sapere come una Università pubblica apra spazi al neofascismo. Sperando che la concessione sia stata data in buona fede ignorando cosa ci fosse dietro all'associazione Prometheus, se ne chiede la revoca.

ASSOCIAZIONI FASCISTE A ROMA TRE, IL PRESIDE AUTORIZZA L’INIZIATIVA E GLI STUDENTI CONTESTANO
Il prossimo 5 Dicembre presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Roma Tre si svolgerà un’iniziativa dal titolo "Siria: guerra, religione, attualità", promossa dall’associazione Prometheus, organizzazione di estrema destra molto vicina agli ambienti di Casapound Italia, partito politico dichiaratamente neofascista, che ha chiamato a partecipare alla propria iniziativa l'associazione Sol.Id. Onlus.
“Dietro questa associazione, apparentemente votata al volontariato in difesa e solidarietà dei popoli oppressi, si nasconde la meschina propaganda fascista di Casapound” dichiarano i ragazzi e le ragazze di Link Roma Tre “infatti, molte foto ritraggono i guerriglieri Karen birmani - una delle popolazioni a cui la "ONLUS" porta solidarietà e finanziamenti - dietro la bandiera del partito neofascista; inoltre, a conferma di questi legami c'è il vicepresidente dell'associazione, Alberto Palladino, attivista di Casapound condannato per un'aggressione del 2011 ai danni di alcuni militanti del PD. Se la legge nazionale prevede che non ci siano legami tra le Onlus e i partiti politici, per Sol.Id la regola sembra non valere - e noi continuiamo a chiederci dove vadano precisamente a finire i soldi dei loro 5x1000.” 
Oltre a denunciare gli stretti legami che uniscono l'associazione Onlus a Casapound Italia (già emersi chiaramente nel 2012 in questo articolo de L'Espresso: http://bit.ly/2AnrQjv), il coordinamento di Link Roma Tre ritiene inammissibile che nel terzo ateneo di Roma vengano autorizzate iniziative evidentemente in contatto con il neofascismo romano e nazionale.
“Come Link Roma Tre – concludono gli attivisti – ribadiamo le nostre posizioni convintamente antifasciste e chiediamo all'amministrazione del nostro ateneo di revocare l'autorizzazione concessa a uno spazio di propaganda fascista. Troviamo vergognoso che il Direttore del Dipartimento, Francesco Guida, abbia autorizzato un’iniziativa del genere. Le targhe affisse fuori dalle nostre facoltà che riconoscono i "valori costituzionali dell'antifascismo”, a poco servono se da parte dell’ateneo non vi è un’azione forte per contrastare la cultura di odio, violenza e xenofobia portata avanti da questi soggetti.”


Link Roma Tre

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.