sabato 5 settembre 2015

Intervista a Ernesto Nassi, presidente ANPI Roma - Corriere della Sera, 5 sett. 2015

«Caro Ignazio, il vero antifascismo è far stare meglio i tuoi concittadini»

Versione on line nel sito di Il Corriere della Sera (con altri contenuti multimediali)

Ernesto Nassi, leader dei partigiani romani, e i richiami-slogan del sindaco alla lotta di Liberazione. «Ciò che conta è realizzare i valori che animarono la Resistenza»

di 
Fabrizio Peronaci

«Voglio credergli, ma il sindaco stia attento a non abusare di certi richiami storici nella polemica politica spicciola. L’unico modo di onorare l’antifascismo è fare le cose venute dalla guerra partigiana, migliorare la vita delle persone, attenuare la loro sofferenza...» Ernesto Nassi, presidente dell’Anpi Roma, con Ignazio Marino ha un conto in sospeso. «Lo scorso 25 aprile, 70° della Liberazione, a Porta San Paolo non è venuto. L’abbiamo presa male, ovvio... Si è schierato con quelli che non volevano stare con noi». Il riferimento è alle diatriba con la Brigata Ebraica, non presente al corteo, al quale invece sfilarono bandiere palestinesi.

Nassi, forse non a caso da qualche tempo il sindaco mostra uno spirito militante. A giugno rispolverò l’invito alla destra a «tornare nelle fogne», due giorni fa a Don Bosco ha annunciato che Roma «dopo aver cacciato nazisti e fascisti, sconfiggerà i mafiosi». Cosa ne pensa? «É un’illusione. La mafia esiste da quasi 200 anni e per combatterla davvero occorre dare lavoro ai giovani, creare le condizioni per far stare meglio la gente. La vedo difficile».

Le citazioni a base di slogan dal sapore passatista ritiene possano danneggiare la memoria antifascista?«Onestamente, non mi pare questo il caso. Ignazio Marino penso di conoscerlo, non è persona che voglia strumentalizzare. Semmai a volte è un po’ ingenuo, ma non darei peso negativo alle sue parole. Voleva dire che Roma, nel senso di noi romani, ha sconfitto i fascisti. E questo è vero, fu una pagina gloriosa».

Appunto, scritta dai partigiani, non dai politici del terzo millennio. 
«Certo, furono i combattenti per la libertà, come mio papà, che nascondeva nella sua trattoria ai Coronari armi e stampa clandestina, a cacciare i nazifascisti. Ma ricordare quei gesti eroici, se lo si fa in base a convinzioni culturali profonde, è comunque utile e importante per tenere viva la memoria ».
5 settembre 2015 | 07:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.