giovedì 6 maggio 2010

Involuzione democratica e indifferenza alla politica. Una nota di Massimo Rendina

I rilievi dei partigiani dell' A.N.P.I. e delle altre espressioni della Resistenza e dell' Antifascismo mossi alla maggioranza di governo anche nei documenti dei comitati e presidenze nazionali che denunciano una intollerabile involuzione democratica nel nostro Paese, trovano ulteriore motivo di conferma nei recenti episodi di intolleranza del dissenso e della critica nel PdL. Il Presidente del Consiglio e del PdL ha respinto con durezza dispotica le critiche che contenevano un pallido riferimento ai valori che presiedono alla convivenza civile, ha negato che manchi un efficace piano di risanamento economico, carenza che impedisce di affrontare seriamente la crisi, favorisce i poteri finanziari anche a danno dell' industria specie quella di piccole medie dimensioni che maggiormente forma il nostro sistema produttivo, aumenta la disoccupazione particolarmente dei giovani e delle donne. La mentalità fascista e padronale di Berlusconi nel disprezzare i richiami all' efficienza non trova adeguata reazione nell'opposizione . Questa rimane a livello delle intenzioni, incapace a far sì che la pubblica opinione prenda coscienza che ciò che avviene nel Pd L non è solo un episodio all'interno di un partito ma il sintomo del decadimento democratico della nazione.
Non c' è quindi da stupirsi dell' assenteismo elettorale e della crescente indifferenza alla politica. La disaffezione colpisce soprattutto i partiti che perseguono la giustizia sociale, la moralità pubblica, il progresso non a danno ma a favore dei più umili, la salvaguardia dei dissesti del pianeta. Premia la destra che si presenta come movimento che ha abbandonato i vecchi sistemi ideologici per la managerialità che ha portato il suo leader tra gli uomini più ricchi del mondo. Le inchieste antropologiche spiegano tale singolarità anche con l'uso spregiudicato dei media di massa controllati dal potere dominante che usa le stesse tecniche persuasive della pubblicità facendole accompagnare dalla sistematica evasione dalla realtà. Una sottocultura a dimensione sociale che riduce la disponibilità a recepire e praticare il solidarismo cristiano, l'umanesimo marxista e gli ideali del liberalismo che nel passato animavano il confronto politico. Questa del potere medìatico non è questione da poco .Il PD ha sulla coscienza di non avere affrontato, quando era possibile al centro sinistra, la questione del conflitto d' interesse.
Il quadro politico si fa inoltre inquietante per il fondato sospetto che il malaffare, già protetto da leggi antidemocratiche a salvaguardia dei politici corrotti e corruttori, ritorni ad essere un sistema usuale ancor peggiore di quello di "tangentopoli" come denuncia il caso Scajola, il ministro che le notizie di stampa danno come acquirente di un appartamento di grande prestigio fornendo al notaio dati insinceri per ingannare il fisco. Nell' atto di compravendita figura meno della metà il prezzo dell'immobile, soddisfatto per intero in nero con assegni avuti non si sa in cambio di cosa da un imprenditore indagato per truffa allo Stato. La solidarietà al ministro dimissionario Scajola dei vertici del suo partito in presenza di un fatto, se le testimonianze del notaio, delle venditrici dello stabile e dello stesso elargitore degli assegni sono vere -come dubitarne?- fa risaltare la complicità morale dei dirigenti del partito di maggioranza.
I partigiani si chiedono se i partiti, ì sindacati, l' associazionismo culturale e sociale non si debbano far carico unitariamente della mobilitazione popolare per denunciare atteggiamenti ed episodi che violano, aggirano, calpestano la Costituzione, offendono la Resistenza che a prezzo di immani sacrifici del popolo italiano ha promosso la democrazia improntandola rigorosamente all' etica, cui non può specialmente sfuggire l'uomo politico, investito dalla collettività a svolgere compiti vincolati all' onestà del comportamento anche privato.

Massimo Rendina

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.