lunedì 7 gennaio 2013

Uno 'stolpersteine' per il partigiano Tabarini, ANPI Aurelio Cavalleggeri partecipa a 'Memorie d'inciampo a Roma'


Una “pietra d’inciampo” verrà posta alla Memoria del partigiano Galliano Tabarini davanti alla sua abitazione, Martedì 15 gennaio 2012 alle ore 8,30 in Via Nicolò III n.8 (vicino la Stazione S. Pietro)


La Sezione territoriale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI) Aurelio Cavalleggeri partecipa alla IV edizione di ‘Memorie d’inciampo’ per tenere viva, alla luce dei valori democratici ed antifascisti della nostra Carta Costituzionale, la memoria di quanti agirono concretamente per la rinascita democratica del nostro Paese prendendo parte attiva alla Resistenza che si sviluppò, in Italia a partire dall’8 settembre del 1943 sino al 25 Aprile del 1945.

Tra questi Partigiani molti furono quelli che, agli ideali della Resistenza, sacrificarono la loro vita. Tra loro, alcuni erano residenti sul territorio del XVIII Municipio del Comune di Roma, e tra questi Galliano Tabarini.

Con l’intento di ricordarli tutti, attraverso la storia di uno di loro,  la Sezione ha organizzato l’evento pubblico assieme all’ANED (Associazione Nazionale ex Deportati), all’ANEI (Associazione Nazionale ex Internati), alla Federazione delle Amicizie Ebraico Cristiane Italiane, alla Fondazione CEDEC (Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea), al Museo Storico della Liberazione di Via Tasso, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

All’evento sarà presente l’artista austriaco Gunter Demnig, autore del progetto “Stolpersteineprogetto “Stolpersteine”, che dal 1993 ha installato in vari Paesi europei centinaia di pietre in memoria delle vittime del nazismo.
 
Galliano Tabarini (1896- 1944)
Nasce ad Urbino, il 25 Febbraio del 1896. Si trasferisce a Roma il 7 Gennaio del 1924, con residenza in Via Nicolò III, 8, ed è immediatamente segnalato dalla Regia Sottoprefettura di Urbino, quale “accanito comunista”.  Era già stato arrestato il 3 Marzo del 1915 per “attività sovversiva”, in quanto militante socialista, ma era stato assolto.
Il 2 Dicembre del 1942 viene arrestato ancora una volta per  aver dato vita - con altri compagni di fede - al gruppo autonomo “Scintilla”. Tabarini, secondo la Polizia fascista “aveva incarico di servire di collegamento fra gli elementi del gruppo ed altri rimasti fuori dell’Organizzazione”. Arrestato nuovamente, il 19 Dicembre del 1943, viene denunciato al Tribunale Speciale per la Difesa dello Stato, per “propaganda ed organizzazione comunista”.
Detenuto nel Carcere di Regina Coeli, il 4 Gennaio del 1944, viene prelevato - insieme ad altri 291 detenuti - e trasportato alla Stazione Tiburtina dove i 292 detenuti sono caricati su di un convoglio ferroviario. Il treno – composto di 10 carri ferroviari – inizia un viaggio durato nove giorni, con una sola sosta nel Campo di concentramento di Dachau e destinazione finale il Campo di sterminio di Mauthausen, dove giunse il 13 Gennaio 1944.
Così si legge - al riguardo - in un Fonogramma della Questura di Roma, inviato il 5 Gennaio ’44, al Comando delle Forze di Polizia ed alla Direzione Generale di Pubblica Sicurezza del Ministero dell'Interno:
“Alle ore 20,40 di ieri dallo Scalo Tiburtino è partito treno numero 64155 diretto a Innsbruck con a bordo n. 292 individui, rastrellati tra elementi indesiderabili, i quali, ripartiti in dieci vetture, sono stati muniti di viveri per sette giorni. Il treno sarà scortato fino al Brennero da 20 Agenti di Pubblica Sicurezza ed a destinazione da un Maresciallo e 4 militari della Polizia Germanica. Durante le ultime 24 ore sono stati rastrellate dalla locale Questura, a scopo preventivo, n. 162 persone.”. 
Tabarini, immatricolato insieme con altri 256 deportati con il numero 42203, muore il 29 Novembre del 1944 nel Castello di Schloss Hartheim, una dipendenza del Campo principale di Mauthausen, nel quale venivano effettuati sui deportati pseudo esperimenti medici
Nel 1948, i militanti della Sezione “Porta Cavalleggeri”, del Partito Comunista Italiano gli dedicano una targa commemorativa, che così recita:  “Tabarini Galliano, militante nel Partito dal 1921, perseguitato nel ventennio fascista, arrestato dai nazifascisti il 19 Dicembre del 1943 e deportato a Mauthausen, dove decedeva il 29.11.1944. Il suo sacrificio ci sia sempre di esempio e di monito. 5.12.1948”.





 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.