mercoledì 3 dicembre 2014

'Le donne nella Resistenza': l'11 dicembre a Cinecittà con la sez.Anpi Nido di Vespe



La Sezione ANPI 'Nido di Vespre' vi invita a:

"Le donne nella Resistenza - Sguardi sulle resistenze di ieri e di oggi"
Giovedì 11 dicembre 2014, Sala Rossa del Municipio VII,
Piazza Cinecittà, ore 17,30

Susanna Fantino: presidente Municipio Roma VII
Vittoria Tola: presidente nazionale UDI
Patrizia Cecconi: Mezzaluna Rossa palestinese in Italia
Tina Costa: vicepresidente Anpi Provinciale di Roma
Anna Maria Spognardi: 
vicepresidente Anpi Provinciale di Roma
Una rappresentante della Rete italiana di solidarietà con il popolo curdo
Coordina Tania Tocci: Sez. Anpi Nido di Vespe




Parlare di Resistenza oggi non è una questione di nostalgia.Resistenza non è passato ma futuro.

Resistere oggi significa anche lottare contro le nuove forme di sfruttamento e prevaricazione facendo rivivere i valori di giustizia e uguaglianza su cui è fondata la Resistenza. È lottare per la salvaguardia del territorio, lottare per una vita affrancata dalla precarietà: una vita in cui il lavoro sia un diritto e non un ricatto a cui sottostare. Lottare per una società che consideri la libertà di movimento dei popoli e delle culture una ricchezza e non una minaccia.
Tutti i cittadini devono impegnarsi a “resistere” per costruire un futuro diverso, libero in cui la dignità umana sia rispettata sempre ed ovunque.
Questo incontro vuole fare storia e memoria partendo da tempi a noi lontani ma stabilendo un filo rosso che unisca quel mondo a tutte le resistenze di oggi, spesso non molto lontane da noi, che vedono in prima linea le donne: resistenti e combattenti in difesa dei propri diritti e non solo.
Nel movimento di resistenza curdo le donne svolgono un ruolo attivo organizzandosi come forze combattenti: esse imbracciano un’arma per difendere il proprio popolo e nello stesso tempo per sottrarsi ad un ruolo che il sistema sociale vorrebbe fosse relegato solo in ambito familiare. Uno degli scopi dell’Isis è condurre una guerra sistematica contro le donne: stuprate, rapite e vendute. Nel Royava (Kurdistan occidentale) esse combattono per tutte le donne del mondo e tutti lo devono sapere.
La situazione a Gaza non è facile. L’embargo imposto da Israele, il blocco delle frontiere, le incursioni continue hanno trasformato un territorio dall’economia prospera in una zona di povertà ed esclusione. E, come succede ovunque, le prime a sparire dalla società sono le donne. La guerra ha cambiato anche la percezione delle cose, e rivendicare i propri diritti di donna non sembra più fondamentale. Quando la dignità ti è tolta in ogni momento, fai fatica a chiederla a casa. Eppure molte conquiste delle donne palestinesi resistono nonostante le difficoltà, oggettive e soggettive.
Resistono finché possono, perché l’unica cosa che non hanno tolto loro, è la resistenza”.
Si arriva poi alle “primavere arabe”, le rivolte che hanno sconvolto il contesto nordafricano e mediorientale. Gli scenari cambiano rapidamente ma quello che resta immutabile ed indiscutibile è la presenza, compatta e senza precedenti, delle donne come forza motrice delle rivolte stesse sin dal loro inizio.


Primavera, rivolta, rivoluzione non sono femminili solo per il genere del sostantivo.
Una riflessione seria e propositiva su quanto sta accadendo a sud dell’Europa, quindi, non può prescindere dalla questione femminile e non può non partire dalle voci delle protagoniste: le donne.

È con questo spirito che vogliamo puntare i riflettori su queste tematiche.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.