mercoledì 15 giugno 2011

Una nota di Massimo Rendina sul Referendum del 12-13 giugno

Il commento ai risultati dei quattro referendum, sull'acqua, il nucleare e la parità dei cittadini di fronte alla legge, sembrerebbe superfluo, dato il risultato clamoroso che non lascia spazio a dubbi e illazioni e rende ridicole le conclusioni di taluni personaggi della destra che hanno visto fallire i tentativi di impedire l'espressione della volontà popolare e screditare l'iniziativa attraverso la diserzione alle urne. Il problema che si pone va al di là della manifestazione referendaria dedicata a temi specifici. Investe il cambiamento in atto nella società e le conseguenze che esso assume nello scenario politico. E conferma, con l'essere assecondato dalla comunità nazionale, quanto pertinenti siano le iniziative, pur nella modestia numerica, assunte dall'ANPI di Roma addirittura da qualche anno, dedicando osservazioni, studi e documentazione all'antropologia -ne fanno fede gli articoli sul periodico "Persona e società"- riportando al centro della società la persona umana e i rapporti che essa stabilisce con gli altri nell'impegno della crescita democratica.
Un intendimento accolto e perseguito anche in talune sezioni e circoli di Roma e Lazio ma non sufficientemente apprezzato dagli stessi vertici nazionali dell'ANPI sollecitati a riprendere, aggiornare, riproporre in funzione propedeutica i temi della Resistenza. Non si tratta solo di un intendimento, ma di una scelta politica che ha portato l'ANPI di Roma a formare il "fronte di rigenerazione democratica" con partiti, sindacati, associazionismo laico e religioso, avendo presenti le intuizioni profetiche di Aldo Moro sulla presenza di una società, specie giovanile, in evoluzione e formazione multiforme. al di fuori dei partiti ma che i partiti, elemento fondamentale del sistema democratico, avrebbero dovuto interpretare e rappresentare.
Se va riconosciuta la coerenza dell'ANPI nel considerare la Costituzione come compendio delle istanze resistenziali promotrici di propositi e nonne non si può non rilevare la insufficienza di elaborazione politica culturale, considerando la stessa Costituzione come esaustivo punto di arrivo e non di avvio, approfondendone e aggiornandone i temi, a fronte di un mondo che pone la persona di fronte a nuove responsabilità, derivate dalla globalizzazione, dalle tecniche di comunicazione, dal progresso scientifico, da una nuova cultura a salvaguardia del pianeta e dell' impiego delle risorse. Ci chiediamo anche se gli organi nazionali dell'ANPI stanno seguendo l'evoluzione culturale, cogliendone i tratti essenziali e le differenze, dei movimenti insurrezionali arabi, e dei processi culturali nelle realtà delle nuove aree industrializzate. Il presidente nazionale Smuraglia ha compiuto il 2 giugno un intervento largamente apprezzato sulla situazione politica italiana , una presenza autorevole della nostra associazione nel contesto nazionale. Ma occorre che sia seguita da un programma significativo, ampiamente e capillarmente partecipato, nella costituzione della nuova ANPI auspicata dal congresso di Torino.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.