mercoledì 24 ottobre 2012

Proiezione del film IL LEONE DEL DESERTO, il 28 ottobre al CIRCOL@perto

UN SACRARIO A RODOLFO GRAZIANI?
Fascista, colonialista, razzista, collaborazionista dei tedeschi spietato persecutore dei partigiani libici, etiopi e italiani: NO GRAZIE!

Domenica 28 ottobre proiezione del film
Il leone del deserto
di Moustapha Akkad, con Anthony Quinn, Libia, 1980 durata 110 min.
alle ore 17.30, presso la sede di CIRCOL @ perto in via Roma 12.

La proiezione sarà introdotta da Pino SALINETTI, Rete Resistenza valle dell’Aniene, Gabriele MORICONE, Comitato Affile Antifascista, Ernesto NASSI, A.N.P.I. di Roma e Provincia.

Nel 1911-12 l’Italia occupa la Libia. Ma la popolazione araba si oppone alla colonizzazione e lotta per riconquistare la propria indipedenza. Il film narra il tentativo di liberazione della Cirenaica guidato tra il 1929 e il 1931 da Omar Al Mukhtar, capo della Resistenza libica. Il tentativo fallisce anche per la spietata campagna di repressione condotta da Graziani, a cui la gente e i guerriglieri beduini diedero il nomignolo di “macellaio”.

Il film, prodotto dalla Libia nel 1980, per quasi 30 anni non è stato fatto circolare nelle sale cinematografiche italiane. Non è stato neppure doppiato in italiano. Le nostre autorità erano preoccupate che le scene sui crimini di guerra dell’esercito fascista di Graziani potessero incrinare l’immagine degli “italiani brava gente”. Come si è cercato di nascondere le leggi e le persecuzioni razziali in Italia, così ci è stata nascosta la verità sugli orrori del colonialismo italiano in Eritrea, Somalia, Libia, isole del Dodecaneso, Etiopia, Albania.

E’ ora di conoscere e di fare i conti con il nostro passato colonialista e con personaggi come Graziani. Egli non è “un cittadino illustre” del Comune di Affile, né ”un soldato” da onorare e proporre ad esempio ai giovani. Graziani fu un esponente di rilievo del regime fascista di cui fece proprie la tirannia, il razzismo, la crudeltà, che applicò contro altri popoli e contro il suo popolo. Un uomo da conoscere per non seguirne l’esempio.

CIRCOL@perto sostiene la campagna per:
• chiedere la revoca del contributo regionale al Comune di Affile per la costruzione del sacrario a Rodolfo Graziani
• demolire tale sacrario ed erigere al suo posto un monumento ai cittadini di Affile e della valle dell’Aniene vittime del nazifascismo

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.