venerdì 27 luglio 2018

Richiesta di non autorizzare l’intitolazione di una piazza a Giorgio Almirante nel Comune di Ladispoli: lettera dell’ANPI Provinciale di Roma e della sezione di Ladispoli-Cerveteri al Prefetto di Roma


Richiesta di non autorizzare l’intitolazione di una piazza a Giorgio Almirante nel Comune di Ladispoli: lettera dell’ANPI Provinciale di Roma e della sezione di Ladispoli-Cerveteri al Prefetto di Roma

Il comitato provinciale di Roma, unitamente alla sezione ANPI di Ladispoli – Cerveteri hanno scritto al Prefetto di Roma chiedendo che non sia autorizzata l’intitolazione di una piazza a Ladispoli dedicata a Giorgio Almirante. Di seguito il testo della missiva:

Al Prefetto di Roma – dott.ssa Paola Basilone
E p.c. Al Dirigente Area Dott.sa Sabrina ORICCHIO - Ufficio Territoriale del Governo di Roma - TOPONOMASTICA

In data 17 Luglio 2018 l’Amministrazione di Ladispoli guidata dal Sindaco Alessandro Grando, ha votato a maggioranza in Consiglio comunale una propria mozione per intitolare una piazza della città a Giorgio Almirante. A questa mozione farà seguito l’iter procedurale con atto deliberativo nonostante la forte contrarietà di parte della cittadinanza e di realtà associative di vario genere e anche delle forze politiche di opposizione che hanno espresso voto contrario a questa delibera. La contrarietà a tale intitolazione deriva da molteplici motivi, tra i quali il fatto che Ladispoli è una città storicamente pacifica e multietnica, quindi in netto contrasto con le teorie razziali espresse da Almirante durante il regime fascista, di cui era esponente, e mai sconfessate nell’arco della sua successiva vita politica nella Repubblica Italiana. E’ stato anche chiesto, invano, al Sindaco Alessandro Grando di soprassedere a tale intitolazione sull’esempio della Sindaca di Roma Virginia Raggi.

STANTE QUANTO PRECEDE
Il Comitato Provinciale dell’ANPI di Roma e la Sezione ANPI di Ladispoli-Cerveteri, chiedono alla Prefettura di non autorizzare la intitolazione con queste motivazioni:

Scriveva Almirante, "Il razzismo ha da essere cibo di tutti e per tutti, se veramente vogliamo che in Italia ci sia, e sia viva in tutti, la coscienza della razza. Il razzismo nostro deve essere quello del sangue, che scorre nelle mie vene, che io sento rifluire in me, e posso vedere, analizzare e confrontare col sangue degli altri. Il razzismo nostro deve essere quello della carne e dei muscoli [...]. Altrimenti finiremo per fare il gioco dei meticci e degli ebrei [...]. Non c'è che un attestato col quale si possa imporre l'altolà al meticciato e all'ebraismo: l'attestato del sangue. La Difesa della razza, 5 maggio 1942”.

Se esistono vie e piazze dedicate ad esponenti politici democristiani, comunisti, socialisti e di altri partiti politici perché non una ad un esponente della destra? Hanno replicato gli interessati. In realtà è un falso pretestuoso: A Ladispoli da tempo, esistono, accanto a strade e scuole dedicate a Gramsci, Berlinguer, Moro, Pertini, strade e giardini dedicati ad esponenti locali della destra. Ma nessuno di questi aveva avuto problemi con la giustizia (e con la storia) come ne ha avuti Almirante: “dalla prima ora fanatico fascista ed ammiratore di Mussolini, fu tra i firmatari nel 1938 del Manifesto in difesa della Razza e collaborò dal 1938 al 1942, con un ruolo importante alla rivista La Difesa della Razza che spianò la strada alle famigerate leggi razziali che permisero la persecuzione, l’arresto, la deportazione e lo sterminio di migliaia di italiani di religione ebraica, di testimoni di Geova, di rom e sinti, di omosessuali, oltre a prigionieri politici. Dopo l’otto settembre del 1943, aderì alla Guardia Nazionale Repubblicana Fascista dove ebbe il grado di Generale e ricoprì l’incarico di capo gabinetto del Ministero della Cultura Popolare del governo fantoccio della Repubblica Sociale Italiana alleata dei nazisti tedeschi e combatté al loro fianco contro le brigate partigiane italiane e le forze alleate anglo-americane. Nel dopoguerra fu tra i fondatori e più volte segretario del Movimento Sociale Italiano che nel nome volle ricordare la RSI di Mussolini e per stemma adottò una fiamma tricolore che usciva da una simbolica bara di Mussolini. Anche dopo la guerra e fino alla sua morte, avvenuta nel 1978, continuò a collezionare denunce, rinvii a giudizio e condanne. Nel 1947 fu condannato a 12 mesi di confino a Salerno per Apologia di Fascismo, condanna poi sospesa dal Questore di Roma. Nella nota della Questura si fa risaltare Almirante come elemento pericoloso per la democrazia e la libertà ed acceso fanatico fascista, soprattutto nel periodo repubblichino. Il 5 maggio del 1958, dopo un comizio tenuto a Trieste, Almirante fu denunciato per Vilipendio alle Istituzioni. Nel 1969 tornato alla guida del MSI, fece rientrare nel partito, parecchi esponenti dell’organizzazione Ordine Nuovo fondata da Pino Rauti, un ramo della quale si macchierà in seguito di diversi attentati stragisti ai danni di cittadini, giudici e di militari delle forze dell’ordine. Nel 1971 il Procuratore di Spoleto chiese ed ottenne dalla Camera l’autorizzazione a procedere contro Almirante, per l’accusa di Pubblica Istigazione ad attentato contro la Costituzione ed Insurrezione armata contro lo Stato, avendo Almirante, durante il congresso nazionale del MSI invitato i giovani italiani a prepararsi all’attacco e fare come si era fatto in Grecia, Portogallo e Spagna allora dominati da regimi fascisti. Sempre nello stesso anno il quotidiano L’Unità pubblicò un manifesto del maggio 1944, rinvenuto negli archivi di Massa Marittima, a firma dello stesso Almirante, nel quale si obbligavano gli “sbandati” ad arruolarsi nelle fila dell’esercito nazifascista, pena la fucilazione alla schiena. Almirante querelò il giornale, ma perse la causa in virtù dei numerosi documenti ritrovati e presentati, che dimostravano la sua schiacciante responsabilità personale. Nel 1982 il terrorista neofascista Vinciguerra, reo confesso della strage di Peteano (dove 10 anni prima, furono attirati in una trappola ed uccisi 3 militi dell’Arma dei Carabinieri e feriti gravemente altri due). Fu comprovato il finanziamento diretto di 35000 dollari da parte di Almirante al segretario del MSI friulano Cicuttini, coautore della strage. Cicuttini e Vinciguerra furono condannati per la strage. Almirante si fece più volte scudo dell’immunità parlamentare (allora pressoché totale) anche per sottrarsi agli interrogatori della Magistratura inquirente, Approfittò in seguito di una amnistia. Almirante fu pure accusato senza seguito da suoi stessi ex sodali di partito di aver partecipato a momenti oscuri della vita del paese. Secondo De Marzio, nel 1970, si mise a disposizione di Junio Valerio Borghese (autore di un tentato golpe), secondo Birindelli il MSI aveva rapporti ambigui con elementi del terrorismo nero e coprì gli assassini dell’agente di PS Marino a Milano e secondo Giulio Caradonna, Almirante in persona aveva sollecitato finanziamenti al partito da parte della P2 di Licio Gelli.” Sembra effettivamente ben altro da quello che si può considerare come uno specchiato esponente politico, pur rappresentante di idee non condivisibili. Almirante nel corso della sua intera vita non ha mai pronunciato una sola parola di condanna o di ripensamento per i crimini di guerra, per l’odio razzista, per le vicende giudiziarie che lo vedevano protagonista. Non c’è stata mai alcuna autocritica o testimonianza di solidarietà per le vittime delle azioni nazifasciste.
Appare quindi assolutamente ingiustificabile la forzatura intrapresa da Sindaco ed Amministrazione. Tale intitolazione, sarebbe una ferita vera e profonda alla vita democratica di una città multietnica e multiculturale fin dalla sua fondazione. Sarebbe una offesa ed un oltraggio a tutti e tutte coloro che hanno combattuto per dare alla città quei principi e quelle basi democratiche che hanno finora garantito il rispetto reciproco e la convivenza civile.
Ringraziamo per la cortese attenzione e in attesa di una sollecito riscontro porgiamo distinti saluti.

La presidenza dell’ANPI Provinciale di Roma
Il direttivo della Sezione ANPI Ladispoli-Cerveteri Domenico Santi


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.