martedì 18 settembre 2018

23 settembre 2018 - Casal Bertone: 1923 - 2018 ricordiamo Giorgio Marincola



Domenica 23 settembre alle ore 11:00nel quartiere di Casalbertone in piazza Enrico Cosenz l’ANPI, insieme alle associazioni dei deportati (ANED), dei perseguitati politici antifascisti (ANPPIA) degli ex internati (ANEI) e alla Federazione Italiana Associazioni Partigiane (FIAP)ricorderà  il partigiano Giorgio Marincola nell’anniversario della sua nascita (23 settembre 1923).   
Marincola nacque in Somalia a Mahaddei Uen da un sottufficiale italiano, Giuseppe Marincola e da una donna somala Aschirò Hassan.
A Roma Giorgio Marincola fu allievo del professor Pilo Albertelli, comandante del Partito d’Azione assassinato dai nazifascisti alle Fosse Ardeatine il 24 marzo 1944.
La sua formazione culturale all’antifascismo si intrecciò con la sua vicenda personale, facendo di Marincola non solo un partigiano italiano dalla pelle nera ma un esempio «visivo» dei valori di libertà, uguaglianza, emancipazione sociale e democrazia che la Resistenza oppose irriducibilmente, come idea alternativa di società, contro la barbarie nazifascista.
Entrato in clandestinità nel 1943 nelle fila del Partito d’Azione, Giorgio Marincola divenne uno dei protagonisti della Resistenza a Roma proseguendo poi la lotta antifascista sia nel viterbese sia nelle fila dell’intelligence militare britannica, lo Special Operations Executive.
Aviolanciato nell’agosto 1944 nella zona di Biella per alimentare la guerriglia partigiana in Piemonte venne catturato dai nazisti nel gennaio 1945 e successivamente deportato a Bolzano da dove venne liberato il 30 aprile 1945.
Aggregatosi ad una banda partigiana della Val di Fiemme venne ucciso il 4 maggio del 1945 a Stramezzino nel corso di uno scontro a fuoco contro un’autocolonna di SS in ritirata.
La vita di Giorgio Marincola rappresenta una delle tante e straordinarie storie della Resistenza che giungono da tempi lontani ed approdano ai giorni del nostro incerto presente.
Un presente caratterizzato da pericolosi ritorni al nazionalismo, alla discriminazione etnica e razziale, alla paura della diversità percepita come minaccia «identitaria» ad un presunto «corpo unico della nazione» che al contrario riuscì a riemergere dalle macerie del fascismo, nella sua forma democratica e costituzionale, solo grazie al portato valoriale concreto della Lotta di Liberazione che fu: internazionale, multiculturale, socialmente egualitaria, politicamente inclusiva e partecipativa.
Le paure di oggi hanno trovato e trovano alimento dal crescere incessante di diseguaglianze sociali intollerabili, dal ricorso continuo alla guerra come strumento di governo degli equilibri internazionali e, in Italia, dalla sistematica disapplicazione e violazione della Costituzione repubblicana nel suo asse essenziale ed indispensabile di diritti dei cittadini: dal lavoro alla salute, dall’istruzione al diritto alla casa, dal ripudio della guerra alla solidarietà sociale fino al rifiuto di ogni discriminazione di sesso, razza, religione, condizioni personali e sociali.

Sottratta ad ogni forma di retorica celebrativa la storia di Giorgio Marincola, combattente antifascista dalla pelle nera, riemerge vivissima nelle piaghe materiali della crisi del nostro presente, e per questo ricordarla deve servire a spingerci all’azione ed alla lotta per la riaffermazione dei valori e della «moralità della Resistenza». Allo stesso tempo ci ammonisce, una volta di più, a ribadire l’esistenza di una sola razza, unico vero patrimonio collettivo dell’Italia e dell’Europa di ieri e di oggi: la razza di quelli come Marincola. Razza partigiana.   
vedi anche:



Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.