lunedì 20 gennaio 2020

Commissione Segre - Sezione ANPI Anzio - Nettuno - Lettera aperta al Sindaco e al Consiglio comunale di Nettuno

Lettera aperta al Sindaco e al Consiglio comunale di Nettuno

Sostenere la Commissione Segre senza citare il valore fondante della democrazia, senza menzionare l’esperienza politica e culturale che ha portato all'ordinamento istituzionale che regge il Paese, senza chiarire chi furono le vittime e chi i carnefici di quel terribile momento storico che fu il fascismo in Europa. Questo è successo a Nettuno. Liliana Segre, vittima delle leggi razziali e sopravvissuta alla Shoah, donna impegnata ogni giorno per l’affermazione dei valori di uguaglianza e solidarietà scritti nella Costituzione, dovrà, dopo gli insulti e le banalizzazioni di alcuni politici italiani riguardo la sua tragica esperienza, assistere anche a questa strumentalizzazione messa in atto dal Consiglio Comunale di Nettuno. Restiamo sconcertati ancora una volta da ciò che accade in questo territorio ogni qualvolta si parli di storia e di memoria. Le persecuzioni, le deportazioni, le stragi, le discriminazioni su base razziale ed etnica le fece il fascismo perché quella era l’ideologia fascista, perché quella era la linea politica del fascismo. Liliana Segre fu vittima del fascismo e della sua politica. Le idee razziste e xenofobe, l’intolleranza e l’omofobia, la discriminazione e la guerra ai principi democratici le fece il fascismo di allora e le propagandano i fascisti di oggi. Don Minzoni (cattolico), Giacomo Matteotti (socialista), Antonio Gramsci (comunista), i fratelli Rosselli (liberalsocialisti), Piero Gobetti (liberale), sono solo alcuni di coloro che dal fascismo vennero assassinati perché antifascisti. Ripudiare il fascismo è sempre e comunque dovere delle Istituzioni perché la loro stessa natura è antifascista e tutti i rappresentanti istituzionali ricoprono un ruolo all'interno di Istituzioni nate dalla Guerra di Liberazione dal nazifascismo. L’antifascismo, è bene sottolinearlo in quanto pare che neanche il Sindaco lo sappia, non è solo e unicamente la contrapposizione dei democratici (di tutte le estrazioni politiche, siano esse di destra o di sinistra) al fascismo di ieri e di oggi, ma è una teoria dello Stato. Anzi, è LA teoria dello Stato. È la teoria su cui i padri costituenti si sono basati per costruire la Repubblica italiana, quella in cui “Tutti i cittadini… sono eguali davanti alla legge, senza distinzioni di sesso, di razza, di lingua, di opinioni politiche…”, la Repubblica in cui oggi viviamo. È quella teoria dello Stato che univa Raffaele Cadorna (monarchico) e Luigi Longo (comunista), Ferruccio Parri (azionista) ed Enrico Mattei (cattolico), Sandro Pertini (socialista) e Mario Argenton (liberale), e così via. Uomini di diverse famiglie politiche, differenti per idee e percorsi, ma in quel momento uniti per guidare il Corpo Volontari della Libertà, uniti nel movimento di Resistenza, sulla cui esperienza è fondata la Repubblica, sui quali caduti è stata scritta la Costituzione. Chiediamo quindi al Sindaco ed ai consiglieri che hanno voluto togliere il termine “antifascista” dalla mozione: quali valori vogliamo trasmettere alle giovani generazioni? Vogliamo dire che i democratici sono uguali ai fascisti? Vogliamo dire che gli assassinati nei campi di eliminazione sono uguali ai fascisti che si sono adoperati per farli catturare e deportare nei vagoni piombati? Vogliamo raccontare ai giovani di oggi che chi si è reso complice e protagonista delle stragi di civili e dei massacri (e lo ha fatto per un preciso disegno politico e militare, per una precisa ideologia, il fascismo appunto) è uguale a chi ha combattuto ed è caduto per la libertà? Invitiamo tutti, soprattutto il Sindaco, a ragionare e a rendersi conto di quanto sia importante fare memoria, costruire memoria e di quali siano i rischi che si corrono se questa funzione viene svolta con superficialità. Invitiamo inoltre tutti coloro che hanno ritenuto opportuno non usare il termine “antifascista” a rendersi conto che il ruolo che ricoprono è di natura antifascista, in quanto la Repubblica è fondata sull'antifascismo e i valori da diffondere e trasmettere alle future generazioni sono: pace, libertà e democrazia, il contrario quindi del fascismo.


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.