domenica 8 febbraio 2015

COMUNICATO STAMPA - Ci ha lasciato Massimo Rendina, Anpi Roma: scompare un protagonista e testimone della Resistenza italiana, un lucido intellettuale, guida per i giovani.

COMUNICATO STAMPA

CI HA LASCIATO MASSIMO RENDINA. Anpi Roma: scompare un protagonista e testimone della Resistenza italiana, un lucido intellettuale, guida per i giovani.

L'ANPI di Roma, è addolorata per la scomparsa, avvenuta oggi 8 febbraio del comandante Partigiano Massimo Rendina, 'Max', il suo nome di battaglia. Aveva 95 anni. Vicepresidente dell'Anpi nazionale e presidente onorario dell'Anpi di Roma, è stato presidente per oltre 12 anni del Comitato Provinciale di Roma e del Lazio. Nel novembre del 2011, ultimo presidente Partigiano combattente, ha lasciato il testimone ai non partigiani.
Con la scomparsa di Rendina viene a mancare non solo un protagonista e testimone della Resistenza italiana, ma un lucido intellettuale, una guida sempre attenta ai cambiamenti della società, un esempio per le nuove generazioni a lui molto care.

Aggiornamento: La Camera ardente sarà allestita lunedì 9 febbraio presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio, dalle ore 12.00 alle ore 19.00.
I funerali si svolgeranno martedì 10 febbraio alle ore 09.00 nella Basilica di Santa Maria in Trastevere. Per volere della famiglia, no fiori ma opere di bene.

Roma, 8 febbraio 2015

Breve nota biografica:

Nato a Venezia il 4 gennaio 1920, Massimo Rendina è stato direttore del primo telegiornale della Rai, docente storia della comunicazione e membro del Comitato scientifico dell'Istituto Luigi Sturzo per le ricerche storiche sulla Resistenza.

E' stato l'ideatore della Casa della Memoria e della Storia, inaugurata dalla giunta Veltroni nel 2006. Nel 1995 ha pubblicato per gli Editori Riuniti, il Dizionario della Resistenza italiana, e Italia 1943-45. Guerra civile o Resistenza?, Newton.

Massimo Rendina militò prima nella 19esima brigata Giambone Garibaldi, con funzione di capo di Stato Maggiore, e successivamente nella 103esima brigata Nannetti della prima divisione Garibaldi, della quale fu prima comandante e poi capo di Stato Maggiore.

Ha preso parte alla liberazione di Torino ed è stato ferito in guerra. Lo zio di Massimo, Roberto Rendina fu ucciso alle Fosse Ardeatine a Roma. Riconosciuto Partigiano combattente dal 1 novembre del '43 alla fine della liberazione dell'Italia dal nazifascismo.



ANPI Roma - via S. Francesco di Sales 5 - 00165 ROMA – www.anpiroma.org 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.