lunedì 29 gennaio 2018

Elio Calisti, partigiano combattente, si è spento ieri 27 gennaio a 95 anni

Si è spento ieri 27 gennaio a 95 anni Elio Calisti, partigiano combattente, iscritto alla sezione dell'ANPI di Genzano. 
I funerali si terranno mercoledì 31 gennaio alle ore 11 presso la chiesa di S. Luca Evangelista al Prenestino.
Il Comitato Provinciale di Roma si unisce al cordoglio di familiari e amici.

Nato a Montegiorgio (Ascoli Piceno) il 2 gennaio 1923, Partigiano Combattente nella BGT “Decio Filipponi”, formazione garibaldina operante nell’ascolano. 
Marconista nell’Aeronautica militare, l’8 settembre 1943 si scontrò subito con i tedeschi alle casermette di Ascoli Piceno, avendone la meglio. Tornato a Montegiorgio, armato e ancora in abiti militari, si aggregò per alcuni mesi ad una formazione garibaldina, la “Decio Filipponi” operante nelle Marche sui monti tra Ascoli e Fermo, e anche qui Calisti si scontrò con gli occupanti.

“Dopo l’armistizio dell’8 settembre del 1943 tornai a casa sbandato, e mi incontrai con la fidanzata di allora. Nascosi il fucile negli alloggi di una suora anziana che conoscevo, Suor Emidia, mentre le due bombe a mano in dotazione le nascosi nella soffitta del Teatro del paese di cui mio padre era custode (dopo la guerra le andai a ricercare ma erano sparite!). Non sapevo nulla del bando di Graziani, e mentre passeggiavo in piazza, vidi affisso accanto al tabaccaio il manifesto che invitava tutti i Militari Italiani a presentarsi presso la più vicina Caserma dei Carabinieri o della GNR, pena la fucilazione. Appresi così d’essere stato condannato a morte! Dopo pochi giorni, venni fermato da un gruppo della Milizia Fascista, di cui faceva parte anche mio cugino; mi chiesero i documenti e mi interrogarono: dissi di essere in licenza e questi, benché disarmato, mi accompagnarono a casa per visionare il mio documento di permesso.

Bussai alla porta di casa, sapendo che mi avrebbero fucilato dato che non avevo nessun permesso, e mentre i fascisti mi erano alle spalle col fucile puntato, scansai bruscamente mia nonna che era venuta ad aprirmi, facendola cadere, e mi gettai dalla finestra del primo piano; questi spararono qualche colpo ma io mi salvai, e da quel momento andai in montagna coi partigiani, rimanendovi 8 mesi. In quel periodo ebbi 4 conflitti a fuoco coi tedeschi: uno subito dopo l’armistizio, quando ancora non eravamo sbandati, dove come Militari della Regia aeronautica resistemmo, ed altri 3 scontri nel periodo da partigiano”.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.