martedì 20 novembre 2012

Anpi Roma: fare luce su violenze delle forze dell'ordine. Si alla riconoscibilità degli agenti


Comunicato dell'Ufficio di Presidenza Anpi Roma: fare chiarezza su violenze delle forze dell'ordine nei confronti degli studenti. Favorevoli al codice di riconoscibilità sulle uniformi o sui caschi.
Le ragioni degli studenti scesi pacificamente in piazza il 14 novembre scorso invocando meno tagli alla scuola, più lavoro, più diritti e più giustizia sociale sono sacrosante e chiedono ascolto. Un ascolto che deve passare attraverso l'auspicio che le istituzioni preposte facciano nel più breve tempo possibile piena luce sugli episodi di violenza di cui si sono resi protagonisti alcuni agenti delle forze dell’ordine, oscurando il buon operato di quanti si sono comportati correttamente a tutela dei manifestanti. La polizia è al servizio dello Stato democratico e deve assicurare la sicurezza di tutti i cittadini, evitando gli abusi di potere, le manganellate e i pestaggi gratuiti.
L’Anpi di Roma è favorevole all’idea di dotare le uniformi o i caschi degli agenti di un codice di riconoscibilità, come già avviene in altri paesi europei, in modo da tutelare da un lato il loro operato e dall'altro l’incolumità di quanti esprimono le loro opinioni con manifestazioni pacifiche. Una manifestazione studentesca non può essere trattata come guerriglia. In uno stato democratico non è ammissibile una sospensione dei diritti, come è purtroppo già avvenuto in casi ben più gravi, come alla scuola Diaz o alla caserma di Bolzaneto durante il G8 di Genova, o per i più recenti casi Cucchi o Aldovrandi.
Gli studenti, tuttavia, devono trovare la capacità di isolare chi scende in piazza considerando le forze dell’ordine un ostacolo e condannare le violenze fini a se stesse prodotte da quella minoranza di studenti o di persone infiltrate che, così facendo, distolgono lo sguardo dai motivi legittimi della protesta.
Ufficio di Presidenza dell'ANPI di Roma

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.