domenica 29 maggio 2016

"I Partigiani (di ieri e di oggi) e il rispetto per la Carta" Lettera di Andrea Liparoto a Il Fatto Quotidiano e a L'Unità

"I PARTIGIANI (DI IERI E DI OGGI) E IL RISPETTO PER LA CARTA
LETTERA DI ANDREA LIPAROTO - SEGRETERIA NAZIONALE ANPI - PUBBLICATA D L'UNITA' DI OGGI 29 MAGGIO (GIA' PUBBLICATA DA IL FATTO QUOTIDIANO DEL 25 MAGGIO) E RISPOSTA DI LUIGI CANCRINI

I partigiani (di ieri e di oggi) e il rispetto per la Carta Mi chiamo Andrea Liparoto, ho 43 anni, non sono un partigiano "vero" ma dal 2011sono un componente della Segreteria Nazionale dell`ANPI. Un fatto del tutto normale derivante dalla scelta che le partigiane e i partigiani fecero nel Congresso di Chianciano del 2006 quando decisero di aprire le porte dell`Associazione anche ai non combattenti per non far disperdere l`immenso patrimonio di valori e principi fondativi della Resistenza. Da allora porto sulle mie spalle un non facile carico di responsabilità che sostengo e conduco supportato da un continuo confronto coi partigiani, tra cui, in primis, Carlo Smuraglia, Presidente Nazionale. Tanti come me, anche molto più giovani, si muovono oggi nell`ANPI, fanno iniziative e si formano alla profondità e all`ampiezza del pensare, alle buone pratiche democratiche insomma ad una direzione di vita e impegno in chiara sintonia con la lezione di civiltà e moralità delle nostre "madri" e dei nostri "padri". Non abbiamo dunque occupato l`ANPI, siamo stati delegati a perpetuarne forza d`ideali e interazione costituzionalmente produttiva con le Istituzioni e il Paese tutto. Ho partecipato alla ormai nota riunione del 21gennaio scorso dove il Comitato Nazionale ANPI deliberò l`adesione dell`Associazione ai Comitati referendari per il No alla riforma del Senato e per il sì alla correzione della legge elettorale "Italicum". Una scelta frutto di un confronto che si è concluso con la condivisione di un dato di grande preoccupazione rispetto alla manomissione in atto di due principi fondamentali della Carta: il bilanciamento dei poteri e il diritto di rappresentanza dei cittadini in Parlamento. Non abbiamo inventato alcuna posizione ideologica o ideologizzata, semplicemente ci siamo allineati all`antica cura della Costituzione e del presidio dei suoi pilastri che ha caratterizzato l`intera esistenza dei protagonisti della Guerra di Liberazione. Abbiamo fatto il nostro dovere statutario. Nulla che abbia prodotto divisioni e spaccature nella nostra Associazione come continuo a vedere recitato sulla stampa. L`ANPI è oggi unita e salda, sono lì ad attestarlo i numeri dei recenti Congressi provinciali e del Congresso nazionale. Una modesta posizione di dissenso rispetto alla linea è più che comprensibile in un contesto pluralistico come il nostro; e non incide certamente mi rapporti interni che restano sempre fraterni. Sarebbe molto auspicabile che si riuscisse a riportare il doveroso dibattito su un tema delicato per antonomasia, come la riforma della Costituzione, su binari di responsabilità, rispetto, effettiva informazione e magari competenza. Le cittadine e i cittadini hanno diritto alla comprensione piena del tema, e alla possibilità di scegliere in totale libertà e coscienza. Non dimentichiamoci mai che il primo avversario resta per tutti l`astensionismo. 
Andrea Liparoto

Grazie. Andrea Liparoto Grazie a te, caro Andrea, di questa lettera utile per ricostruire alcuni passaggi del dibattito in corso, anche all`interno dell`ANPI, sul referendum previsto per ottobre e sulla distinzione, più volte citata in questi giorni, fra partigiani veri e no, fra chi ha fatto la Resistenza e chi ha aderito all`ANPI più tardi. Permettimi tuttavia, sulla base delle lettere che anche io ho ricevuto e del mio personale convincimento, di proporti anche alcune mie osservazioni di merito. Quello di cui non si può dimenticare l`importanza prima di tutto, è il conflitto in atto, nel Partito Democratico fra il vecchio e il nuovo, fra il "rottamatore" Renzi e la attuale minoranza di sinistra: affrontato ma non risolto con le primarie come sarebbe accaduto in un partito normale perché a questo servono le primarie, a scegliere una leadership ed a ricompattarsi dopo averla scelta in attesa della prossima occasione di confronto. Un conflitto che sta caratterizzando tutta la vicenda politica di questi ultimi due anni anni e che è decisivo, al di là del merito su molte (troppe) questioni, nel definire le scelte dei militanti e degli elettori che votano a sinistra, Dando luogo a scontri spesso assai più passionali che basati sulla riflessione. Fra il vecchio e il nuovo? No, perché a sostenere Renzi e il suo Governo ci sono molti che vengono dal vecchio PCI e perché a protestare contro di lui cì sono tanti giovani che da quella tradizione non provengono. Fra diverse posizioni di economia politica? No, perché è difficile oggi immaginare una posizione più keynesiana di quella sostenuta da Padoan e da Renzi in Europa contro il liberalismo bocconiano di tante Cancellerie europee e perché è difficile oggi immaginare una posizione più a sinistra di quella italiana sulle migrazioni e sui grandi temi di politica internazionale. Che la discussione sul referendum non sia di merito, in queste condizioni, è del tutto evidente e una grande associazione rappresentativa della storia della sinistra non avrebbe dovuto, secondo me, prendere posizione in modo così forte su una questione che sta diventando una vera e propria resa dei conti fra Renzi ed i suoi avversari ma proporsi come luogo aperto ad una discussione di merito fra gli iscritti per dare un contributo di razionalità ad un dibattito fondamentale per il futuro della sinistra e della nostra democrazia. È davvero giusto secondo te, caro Andrea, che un direttivo prenda una decisione così netta in nome di tutti i suoi iscritti, molti dei quali non la condividono (anche se tu pochi e poco li consideri) invece di impegnarsi con loro per far crescere questo dibattito? Io ho i miei dubbi e mi sono permesso qui di proporteli. Invitandoti a riflettere sulla complessità della scelta che stiamo per fare: una scelta che non è fra il bene e il male o fra chi è fedele o no alla Costituzione del nostro paese, ma un pronunciamento sulla opportunità di alcune modifiche, dopo 70 anni, ad un testo per cui tutti abbiamo amore e grande rispetto.
Luigi Cancrini




Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.