domenica 21 maggio 2017

25 maggio 2017 - APPIO - "Sette mesi di guerriglia urbana. La Resistenza dei GAP a Roma"






















Giovedì 25 maggio ore 19:00 a Scup


Scup Sportculturapopolare
via della Stazione Tuscolana 84, Roma
presentazione del libro

"SETTE MESI DI GUERRIGLIA URBANA. La Resistenza dei Gap a Roma"

di Mario Fiorentini, a cura di Massimo Sestili, Odradek edizioni.

Ne discuteremo con:

Massimo Sestili, curatore del volume
Michele De Gregorio, storico
Anpi sezione Appio


«Il racconto di Mario Fiorentini sui sette mesi di guerriglia urbana combattuta dai GAP Centrali a Roma è il risultato di diverse ore di registrazione e di numerosi incontri che abbiamo avuto nell’arco di cinque anni. Ci siamo incontrati sia in casa che in strada. Abbiamo girovagato nelle piazze e nei vicoli del centro di Roma dove Mario mi ha indicato i palazzi, i portoni, gli angoli, i tetti, i cinema, le chiese, le fontane che sono state teatro delle principali azioni militari messe a segno dai gappisti. Delle azioni che ha voluto ricordare, mi ha chiarito la dinamica, la motivazione militare e politica, la tormentata organizzazione.»


Storia e memoria non sempre riescono a coabitare e spesso con il passare del tempo divergono. Non è il caso di Mario Fiorentini. La sua memoria sta tutta dentro il dispositivo dei Gap romani – operanti per sette mesi dall’ottobre ’43 all’aprile ’44 – e dei quali è stato l'organizzatore e uno dei comandanti.
In questo senso, il tanto tempo trascorso arricchisce e rafforza, con notazioni inedite e documentate, quella struttura organizzativa, quell’organigramma, restituendo, da un punto di osservazione centrale, la successione di un formidabile susseguirsi di azioni nelle quali l’organizzazione sopperiva alla incredibile mancanza di mezzi che rendeva la guerra ancor più asimmetrica.
La memoria sovviene a sottolineare il primato dei Gap romani evocando la copertura puntualmente planimetrica della città che permise il contropotere politico-militare come contestazione armata dell’ordine nazista, il grande numero di donne combattenti – Carla Capponi, Marisa Musu, Lucia Ottobrini, Maria Teresa Regard, tutte decorate di medaglia d’oro (Capponi) e d’argento –, la centralità del comando politico-militare e il suo coordinamento con il quadro strategico Alleato mediante le azioni di logoramento dopo lo sbarco di ?Anzio.

«Cedere al ricatto delle rappresaglie» (in realtà veri e propri war crimes come le Fosse Ardeatine) avrebbe significato dichiarare non praticabile la strada della lotta antifascista in tutto il paese. Il gappismo in realtà rappresentò la dimensione italiana del movimento internazionale contro il nazifascismo esteso in tutta l’Europa occupata e ricongiunse la sua esperienza di lotta nella continuità di forme, la guerriglia mutuata dai Maquis francesi, e di uomini, con Fiorentini e Bentivegna impegnati dopo la liberazione di Roma, uno nelle Missioni dell’Office Strategic Service (OSS) statunitense nel nord-Italia e l’altro nelle brigate garibaldine in Jugoslavia, anche fuori dall’ambito strettamente cittadino e nazionale.

Mario Fiorentini (Roma 1918) partigiano, agente segreto e matematico di fama internazionale per i suoi studi su algebra commutativa e geometria algebrica; ha insegnato nelle università di Ferrara, di Montreal e di Boston (MIT). Insignito di tre medaglie d’argento al valor militare, tre croci al merito di guerra, della medaglia “W. Donovan” dell’OSS e della medaglia della Special Force inglese.

Massimo Sestili (Roma 1958), docente di Letteratura e Storia. Laureato in Filosofia. In questi ultimi anni si è interessato dell’errore giudiziario nella letteratura. Ha pubblicato libri e articoli sull’affaire Dreyfus. Attualmente si sta interessando della Resistenza a Roma su cui ha pubblicato articoli e interviste. Collabora con varie riviste tra cui «Patria Indipendente».

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Il blog è strumento di comunicazione degli eventi (e i relativi commenti) organizzati dal Comitato Provinciale e dalle Sezioni dell’A.N.P.I. Provinciale di Roma; promuove la libertà di pensiero, aderisce ai principi della Costituzione repubblicana, è antifascista e antitotalitario.
Ripudia intolleranza, razzismo e antisemitismo.
Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. In qualunque momento il proprietario può richiederne la rimozione tramite mail qui indicata. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condiizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.